Comunicato Stampa: II Giornata Mondiale dei Poveri

Print Mail Pdf

PG Aula Tiberiade 10-11-2018-3

II Giornata Mondiale dei Poveri

“Questo Povero grida e il Signore lo ascolta”

 

 

Comunicato stampa

 

Si svolgerà questa domenica 18 novembre la II Giornata Mondiale dei Poveri, una ricorrenza nata alla fine del Giubileo della Misericordia per volontà di Papa Francesco. Un’iniziativa di “evangelizzazione, preghiera e condivisione” che “favorisce una crescente attenzione alle necessità degli ultimi, degli emarginati, degli affamati”, come ha ricordato il Santo Padre durante l’Angelus di domenica scorsa.

In questa occasione, infatti, il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, che si occupa di organizzare e promuovere l’evento nelle diocesi di tutto il mondo, ha coordinato alcune iniziative come segni di vicinanza e premura che trasmettono la sollecitudine della Chiesa soprattutto verso chi vive ai margini.

 

Tra questi segni vi è il pranzo di Papa Francesco con i poveri. Il Papa, ha invitato circa 3.000 poveri a partecipare a un grande momento di condivisione, un momento conviviale in cui il Santo Padre sederà a tavola con i poveri e passerà dei momenti con loro nella massima semplicità. Questo momento conviviale si svolgerà nell’Aula Paolo VI in Vaticano, appositamente allestita come grande sala da pranzo. Questo pranzo è stato gentilmente offerto da Rome Cavalieri - Hilton Italia in collaborazione con l’Ente Morale Tabor. Questo momento di condivisione avverrà in contemporanea nelle mense di molte parrocchie e università e delle varie realtà assistenziali e associazioni di volontariato che hanno aderito all’iniziativa, quali Caritas, Comunità di Sant’Egidio, Legionari di Cristo, Circolo San Pietro, Collegio Leoniano, Convitto Lateranense, Università Europea di Roma, Regina Apostolorum, Istituto Villa Flaminia e le ACLI di Roma. Il pranzo con i poveri seguirà la celebrazione della Santa Messa nella Basilica di San Pietro, che il Papa presiederà alle ore 10 e alla quale parteciperanno circa 6.000 poveri, insieme ai volontari che li accompagnano, oltre a esponenti delle numerose realtà che hanno a cuore queste persone bisognose.

 

Anche quest’anno è stata ripetuta l’esperienza del Presidio Sanitario solidale, l’iniziativa volta a offrire cure gratuite a tutte le persone bisognose che normalmente avrebbero molte difficoltà ad accedervi. Quest’anno il Presidio Sanitario è stato allestito direttamente in Piazza San Pietro, sul lato sinistro, adiacente al Braccio di Carlo Magno. La struttura è attiva da lunedì 12 novembre e rimarrà aperta fino a domenica 18 novembre. Per tutta la settimana sarà aperta dalle 10 del mattino fino alle 22. Per poter usufruire delle analisi cliniche, uno dei servizi del Presidio, si potrà, invece, accedere al Presidio già dalle ore 8 e fino alle ore 13. L’orario di servizio è stato volutamente prolungato rispetto all’anno precedente, per venire incontro alle esigenze di queste persone, che spesso per la loro naturale ritrosia o per delle esigenze legate a una vita che spesso fatichiamo a immaginare, preferiscono muoversi durante la notte.

        

Queste le specializzazioni mediche presenti presso la struttura: medicina generale, cardiologia, infettivologia, ginecologia e ostetricia, podologia, dermatologia, reumatologia, oculistica e, come detto, il laboratorio di analisi cliniche. Le istituzioni sanitarie che con grande generosità hanno prestato la loro attività sono: la Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli, l’Università di Roma Tor Vergata, il gruppo Bios S.p.A., la onlus Roma Cares, l’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata, la Fondazione Policlinico Tor Vergata e il Corpo Italiano di Soccorso dell'Ordine di Malta, oltre alla Direzione di Sanità e Igiene dello Stato della Città del Vaticano. Entrando nella struttura, allestita anche con il contributo della Confederazione nazionale delle Misericordie d'Italia, il Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana, le “crocerossine”, si occuperà insieme a un medico di eseguire un primo “triage” e poi, nell’eventualità, accompagnerà la persona da visitare verso le varie specializzazioni. Il tutto ovviamente è a titolo assolutamente gratuito. Chi usufruirà delle analisi cliniche potrà ritirare i risultati il giorno seguente, di persona o tramite le associazioni presso le quali è conosciuto. Un’ambulanza sarà sempre disponibile presso il Presidio per chi avesse bisogno di cure particolari. L’anno scorso, primo anno di questa esperienza, sono state curate più di 600 persone, alcune delle quali trovate anche in condizioni gravi.

 

Sabato 17 novembre, invece, alle ore 20, nella Basilica di San Lorenzo fuori le Mura, si terrà una Veglia di Preghiera per tutte le associazioni di volontariato che, come veri operatori di misericordia, nel silenzio e nella discrezione offrono un servizio costante e impagabile verso le persone che vivono le varie forme di povertà e di esclusione che la società moderna purtroppo produce.

 

L’organizzazione di questa giornata è stata resa possibile anche grazie al concreto sostegno di alcuni benefattori quali UnipolSai, la Fondazione RH, Euroma 2, la società Gilead Sciences e Roma Cares. Inoltre grazie al contributo dello storico Pastificio Rummo, verranno distribuiti ai poveri e alle associazioni di carità, 9 mila confezioni di pasta, circa 4,5 tonnellate.